Come l’Riflesso Miotatico/di Allungamento Influenza la Produzione di Forza di Salto

Index

La salto verticale e il salto orizzontale sono due movimenti che sono presenti in molte modalità sportive. Questo movimento e questa competizione motoria possono essere decisivi alla fine di una partita di calcio, nel punto finale di una partita di pallavolo e, ovviamente, nella vittoria di un salto in lungo. È un movimento che, come la corsa, è presente in innumerevoli sport individuali e di squadra e occorre fare un’analisi approfondita su come saltare meglio. Nel blog di oggi ci concentreremo su una parte molto importante del salto verticale, un riflesso involontario dell’organismo che può o non può aiutare a raggiungere un’altezza maggiore o una maggiore lunghezza; il riflesso miotatico.

Cos’è il riflesso miotatico?

Esiste un meccanismo di difesa dell’organismo che impedisce qualsiasi rottura muscolare, il cosiddetto riflesso miotatico. Come indica la sua parola, il riflesso miotatico è un segnale automatico e involontario che l’organismo provoca quando trova che un muscolo si sta allungando troppo (1). A differenza di una contrazione volontaria, il nostro cervello invia un segnale (efferente) che indica che il muscolo deve essere attivato. Quindi, ad esempio, quando vogliamo fare un curl con i bicipiti inviamo un segnale per sollevare il carico. Tuttavia, nel riflesso miotatico il cervello non invia alcun segnale ma è la spina dorsale che si occupa del lavoro. La migliore prova dell’esistenza del riflesso miotatico è quando ci scottiamo. Automaticamente e senza che noi lo provochiamo, l’organismo capisce che una parte del corpo sta bruciando e produce un segnale automatico per muovere, ad esempio, la mano lontano dal fuoco. Una volta che l’abbiamo messa da parte è quando il nostro cervello capisce che non stavamo bruciando.

Una cosa molto simile accade quando stiamo allungando un muscolo. Volontariamente inviamo l’ordine dello stiramento fino a quando arriva un momento in cui la spina dorsale lo ferma causando una contrazione del muscolo involontario. Il fuso muscolare invia un segnale che non raggiunge il sistema nervoso centrale (il cervello) ma rimane nella spina dorsale e ottiene una risposta automatica. La medulla rileva automaticamente che il muscolo si sta allungando troppo e invia un segnale di protezione, niente di più e niente di meno, che una contrazione involontaria del muscolo (2). Questa contrazione involontaria ben programmata può causare l’espressione di una forza maggiore dopo quel riflesso miotatico.

Quale organo risponde alla stimolazione muscolare?

Come abbiamo precedentemente discusso, il cervello ha una grande responsabilità quando si tratta di fare qualsiasi movimento. In realtà, il cervello è così importante che quando una persona soffre di un ictus o quando ha un tumore al cervello una delle prime conseguenze è di solito la perdita di mobilità. Affinché il nostro corpo si muova, deve inviare costantemente segnali dal cervello al resto del corpo. E uno stimolo muscolare non sarebbe stato uno stimolo diverso dagli altri. L’organo responsabile della risposta allo stimolo muscolare è il cervello. Tuttavia, come abbiamo detto in precedenza con il riflesso miotatico non c’è una risposta volontaria dal cervello, quindi non potremmo dire che il sistema nervoso centrale sia responsabile dell’invio di quella risposta. Abbiamo già commentato in precedenza che nel caso del riflesso miotatico, la colonna vertebrale è la parte del corpo responsabile della risposta allo stimolo di stiramento o dolore (3).

La spina dorsale è situata nella colonna vertebrale ed è responsabile del funzionamento del nostro intero corpo. La sua funzione si basa sull’invio degli stimoli nervosi che lasciano il cervello al corpo e sulla ricezione di quegli impulsi per inviarli al cervello. Diciamo che ha due funzioni:

  • Inviare gli impulsi che arrivano dalle diverse parti del corpo al cervello in modo che possa elaborarli e dare una risposta volontaria. Ciò viene fatto attraverso le vie afferenti.
  • Inviare gli impulsi che arrivano dal cervello alle diverse parti dell’organismo dove vogliono agire. Ciò viene fatto attraverso le vie efferenti.

Tuttavia, ci sono momenti in cui offre risposte automatiche come il riflesso miotatico.

Qual è il risultato del riflesso miotatico?

Abbiamo già commentato che il risultato del riflesso miotatico è una contrazione involontaria del muscolo. Tuttavia, questo riflesso miotatico ha diverse grandezze. Quindi, ad esempio, quando viene utilizzato un martello neurologico e viene colpito il ginocchio, il riflesso miotatico offre una risposta di grande entità poiché il risultato è un’estensione quasi completa del ginocchio. Quando portiamo la mano a una candela e la bruciamo, la contrazione non è solo di un gruppo muscolare, ma vengono attivati i muscoli della mano, del braccio, della spalla e persino della schiena. Ciò significa che il riflesso miotatico colpisce diversi gruppi muscolari allo stesso modo e con un’alta grandezza. E, al contrario, quando stiamo eseguendo uno stretching, il riflesso miotatico contratta solo il muscolo in modo che non possa continuare a stirare.

Tuttavia, se vogliamo utilizzare il riflesso miotatico come risorsa per generare una maggiore contrazione muscolare, dobbiamo portare quello stretching a un livello elevato.

Come può il riflesso miotatico migliorare la tua flessibilità?

Il riflesso miotatico è una risposta che causa una contrazione muscolare; pertanto, è difficile aiutare a migliorare la flessibilità. Tuttavia, è necessario spiegare quale relazione esista tra il riflesso miotatico e la flessibilità e, soprattutto, dare luce al cosiddetto riflesso miotatico inverso.

La prima cosa da notare è che, se il riflesso miotatico fosse così forte e non potesse essere evitato, non potremmo mai allenare la flessibilità. Ma il riflesso miotatico può essere “evitato”. Ad esempio, possiamo vedere in molte sale da palestra persone che si allungano e fanno “rimbalzi”, e non c’è niente di peggio per la flessibilità di questi rimbalzi. Tuttavia, se eseguiamo uno stretching e viene attivato il riflesso miotatico, dobbiamo mantenere quella posizione circa 30 secondi in modo che il riflesso miotatico sia “disattivato” e andare un po’ più in là.

Uno dei modi di allenare la flessibilità è questo. Quando sottoponiamo i nostri muscoli ad uno stretching regolare, arriva un momento in cui il riflesso miotatico perde alcuni centimetri di allungamento fino a quando non viene attivato e permette di aumentare la flessibilità o la gamma di movimento.

D’altra parte c’è il cosiddetto riflesso miotatico inverso. Un altro modo per allenare la flessibilità è quello che abbiamo discusso. Quando eseguiamo una contrazione isometrica massimale sottoponiamo il muscolo ad un’alta tensione e quando la contrazione cessa c’è un riflesso di rilassamento nel muscolo. È in quel momento che possiamo approfittare per andare un po’ più in là nello stretching e mantenere la posizione. In questo modo concatenerà gli allungamenti e le contrazioni isometriche fino a raggiungere la gamma di movimento che vogliamo. La flessibilità è una capacità fisica che dobbiamo lavorare ogni giorno per avere una buona mobilità.

Come aiuta il riflesso miotatico alla produzione di forza nell’esecuzione di un salto?

Anche se non conosciamo cosa sia il riflesso miotatico, sappiamo come saltare più in alto. Come esseri viventi abbiamo una serie di risposte “inconsce” a semplici domande. Se vogliamo saltare più in alto, dobbiamo eseguire una buona fase di discesa e quindi essere in grado di saltare più in alto (4).

Il nostro corpo è intelligente e, senza che noi ne abbiamo conoscenza, sa che più è grande la fase eccentrica del muscolo, più grande sarà la fase concentrica che può avere e quindi può saltare più in alto. Ma, comunque, nel blog di Vitruve analizzeremo perché ciò accade. Come avrai già notato, l’attivazione del riflesso miotatico può portare a una maggiore fase concentrica e a una maggiore contrazione del muscolo (5). Ciò è dovuto principalmente a tre meccanismi:

 

Caricare lo spindolo muscolare

Per attivare il riflesso miotatico, la prima cosa da fare è sottoporre il muscolo a un ciclo di stretching che promuova una risposta di “pericolo”. A tal fine, dobbiamo caricare lo spindolo muscolare eseguendo una fase di stretching per poter saltare più in alto. Dovremo stirare i glutei e i quadricipiti eseguendo una flessione dell’anca e una flessione del ginocchio.

 

Il ciclo di stiramento-accorciamento

L’energia elastica è anche un alleato per saltare più in alto. Proprio come una molla o un elastico per capelli funziona quando sottoponiamo il muscolo a uno stiramento di grande entità, la forza con cui ritorna alla sua posizione naturale è maggiore. Pertanto, l’accumulo di energia elastica nella fase di stretching più l’attivazione del riflesso miotatico portano a un salto molto più alto in altezza o in lunghezza.

 

Lunghezza di contrazione ottimale

Bene, sappiamo che un’estensione del muscolo prima di un salto favorirà un salto più alto. Quanto dobbiamo allungare il muscolo prima del salto? A quanto pare c’è una teoria secondo cui dovrebbe essere stirato fino a 1,2 volte la sua lunghezza originale. Sembra che questa lunghezza consenta un accumulo sufficiente di energia senza danneggiare il muscolo. Se superiamo quella lunghezza, possiamo causare qualche tipo di danno.

 

E come sappiamo se stiamo saltando di più?

Una volta conosciuti i benefici dell’attivazione del riflesso miotatico e la sua applicabilità nel salto verticale, dobbiamo essere in grado di quantificare l’entità di tale beneficio. Per farlo, possiamo utilizzare l’altezza del salto o la velocità del salto e, a tal fine, possiamo utilizzare il sistema di allenamento basato sulla velocità.

Il dispositivo Vitruve è uno strumento che misura la velocità di esecuzione, ma ci dice anche l’ampiezza del movimento. Se, ad esempio, fissiamo il dispositivo a noi stessi e misuriamo l’ampiezza del salto verticale, vedremo che più lunga è la lunghezza, maggiore è l’altezza.

D’altra parte, se misuriamo attraverso il dispositivo di allenamento basato sulla velocità la velocità di esecuzione stessa, vedremo che più alta è la velocità, maggiore è la forza espressa.

Il dispositivo Vitruve ci può aiutare nelle nostre relazioni misurando prima e dopo un intervento, ad esempio di 4 settimane, e potendo quantificare i miglioramenti osservati in quel periodo. Un allenamento plyometrico avrà sicuramente benefici quando si tratta di migliorare il salto in alto perché è un allenamento che combina sempre l’attivazione del riflesso miotatico e il ciclo di accorciamento stretching.

Conclusione

In conclusione, possiamo dire che l’esistenza del riflesso miotatico favorisce un salto più alto. Questa risposta automatica dell’organismo è sorta come protezione contro le fratture o gli stimoli che mettevano a rischio la salute dell’essere umano. Tuttavia, nel mondo delle prestazioni è stato utilizzato per migliorare il salto verticale o orizzontale.

D’altra parte, se il tuo obiettivo è migliorare la flessibilità, non dimenticare che il tuo corpo si opporrà a che tu allunghi il muscolo più del conto, quindi eseguire piccole contrazioni isometriche è un buon modo per invertire l’effetto del riflesso miotatico e migliorare gradualmente.

Unai Adrián Pérez de Arrilucea Le Floc’h

Riferimenti

1.Castillo GD, by Jorge JLV. Anatomy and physiology of the central nervous system: Univ Foundation. St. Paul; 2015.

2.Liddell EGT, Sherrington CS. Reflexes in response to stretch (myotatic reflexes). Proceedings of the Royal Society of London Series B, Containing Papers of a Biological Character. 1924;96(675):212-42.

3.Poppele R, Terzuolo C. Myotatic reflex: its input-output relation. Science. 1968;159(3816):743-5.

4.Clutch D, Wilton M, McGown C, Bryce GR. The effect of depth jumps and weight training on leg strength and vertical jump. Research quarterly for exercise and sport. 1983;54(1):5-10.

5.Fletcher IM. The effect of different dynamic stretch velocities on jump performance. European journal of applied physiology. 2010;109(3):491-8.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Subscribe
Notificami
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

GUIDE VBT

ULTIMI POST

AUTORI IN EVIDENZA

Ottieni gratuitamente la guida VBT!

*

GUIDA VBT GRATUITA

*