Index

Gli atleti hanno una pressione sanguigna bassa?

In questo articolo ci concentreremo su un parametro di salute, incluso un parametro di salute che può indicare il rischio di malattia cardiovascolare: la pressione sanguigna (1). La pressione sanguigna indica quanto il nostro sangue comprime le arterie quando esce dal cuore (pressione sanguigna sistolica) e quando vi ritorna (pressione sanguigna diastolica). L’Associazione australiana per l’esercizio fisico è posizionata in modo simile all’Organizzazione mondiale della sanità, e sottolinea che la pressione sanguigna sistolica superiore a 140 mmHg e la pressione sanguigna diastolica superiore a 90 mmHg sono dannose per la salute e aumentano la possibilità di rischio cardiovascolare (2).
Il principale trattamento per l’ipertensione è l’uso di farmaci antipertensivi perché sembrano essere efficaci (3). Tuttavia, per il sistema sanitario, ci sono altri metodi più economici, come l’esercizio fisico. L’American College of Sports Medicine (ACSM) ha una chiara posizione sull’esercizio fisico e questa malattia:

“L’esercizio è la terapia fondamentale per la prevenzione primaria, il trattamento e il controllo dell’ipertensione. È necessario definire meglio la frequenza, l’intensità, il tempo e l’allenamento (FITT) ottimali per migliorare la capacità di ridurre la tensione alta dovuta all’esercizio” (4).

Una volta che ci rendiamo conto del ruolo importante dell’esercizio fisico in questa patologia, continueremo ad analizzare la pressione sanguigna di persone che fanno regolarmente esercizio e se la loro pressione sanguigna è inferiore a quella della popolazione generale. Si dovrebbe notare che qualsiasi tipo di cambiamento verso l’alto o verso il basso può essere dannoso per la salute. In altre parole, se studiamo più a fondo la fisiologia umana e l’esercizio stesso, la pressione alta danneggerà le pareti dei vasi sanguigni (principalmente le arterie) e aumenterà la possibilità di malattie cardiovascolari. Quando si verifica un problema in queste arterie, il grasso saturato da una cattiva alimentazione ha più probabilità di “attaccarsi” alle pareti dei vasi sanguigni e di impedire un normale flusso sanguigno. Quando questo accade e si formano delle placche di aterosclerosi, il rischio di malattie cardiovascolari aumenta. L’interruzione del flusso sanguigno o la cattiva circolazione aumentano il rischio di malattie cardiache, cerebrali, renali e altre malattie correlate.
low blood pressure

Se analizziamo l’impatto dell’esercizio fisico su questa malattia, scopriremo che l’esercizio fisico può migliorare l’espulsione del sangue dal cuore, riducendo così la pressione arteriosa. Più precisamente, sia l’esercizio fisico a breve che quello a lungo termine hanno l’effetto di abbassare la pressione sanguigna. In altre parole, dopo alcuni minuti di esercizio fisico, il cuore può pompare il sangue con meno pressione e essere altrettanto utile. La ricerca di Chan et al. E Williams et al. Mostra che l’esercizio fisico può abbassare la pressione sanguigna di 8-15 mmHg (5, 6). Una recente revisione sistematica e meta-analisi (93 studi controllati randomizzati) hanno confrontato gli effetti della terapia fisica e della terapia farmacologica (7). I principali risultati di questo studio mostrano che entrambi i metodi sono efficaci. Tuttavia, per gli individui e il sistema sanitario, a causa degli effetti correlati all’esercizio fisico, abbassare la pressione sanguigna attraverso l’esercizio fisico è più efficace. In effetti, l’esercizio sembra aiutare a ridurre i farmaci per la pressione sanguigna.

Tuttavia, nonostante le evidenze scientifiche che l’esercizio fisico sia un buon trattamento antipertensivo, i risultati della suddetta meta-analisi non hanno posto l’esercizio fisico al primo posto nella lista dei trattamenti. Inoltre, la dose ottimale di esercizio per l’ipertensione è incerta. Successivamente, analizzeremo le diverse interventi attraverso l’esercizio fisico per comprendere quale intervento sia più efficace.

Innanzitutto, vogliamo sottolineare lo studio di Caselli et al. Che ha analizzato la risposta della pressione sanguigna all’esercizio e se questo è correlato alla possibilità di sviluppare l’ipertensione in futuro (8). In altre parole, la tua risposta all’esercizio quando sei giovane predice il rischio di sviluppare un’ipertensione in futuro? Hanno analizzato i risultati di circa 10 anni di follow-up di un totale di 1.900 giovani con livelli di stress normali. Durante il test di stress massimo, i partecipanti sono stati divisi in base alla loro risposta di pressione sanguigna. Sono divisi in:

  • Il gruppo con una normale risposta della pressione arteriosa.
  • Il gruppo con una risposta aumentata della pressione arteriosa.


Dopo 10 anni, hanno riesaminato la loro pressione sanguigna e hanno scoperto che il primo gruppo era più propenso a sviluppare l’ipertensione. In questo modo, possiamo concludere che la risposta molto alta della pressione sanguigna in giovane età nel test di stress massimo può essere correlata a una maggiore probabilità di sviluppare l’ipertensione in età adulta.
Sarebbe interessante comprendere i dati precedenti e analizzare la pressione sanguigna nei primi stadi di tutti gli atleti per prevenire questa patologia in futuro. Inoltre, la ricerca di Sanja Mazic et al. Ha dimostrato che la pressione alta negli atleti di alto livello è correlata alle prestazioni sportive scarse, poiché riduce l’efficacia ed efficienza del sistema cardiopolmonare e sembra aumentare la probabilità di malattie cardiovascolari (9). Pertanto, l’ipertensione nella carriera sportiva non è buona per gli atleti e sembra prevedere problemi in futuro. Quindi, l’esercizio può ridurre la pressione alta o la pressione alta?
Analizzeremo gli effetti di un programma di esercizio continuo di natura cardiovascolare, e l’intensità non causerà disagio di pressione sanguigna alta (10). Pinto et al. Pinto et al. hanno studiato un totale di 168 persone con ipertensione, ma senza obesità, per 6 settimane. Lo scopo era di analizzare l’effetto dell’esercizio sulla pressione sanguigna. Per questo motivo, avevano adulti di età compresa tra 50 e 60 anni e con un BMI medio di 27 kg / m2.
L’allenamento che hanno svolto era metodologicamente semplice, poiché si allenavano 3 giorni alla settimana, con allenamenti basati sull’esercizio aerobico della camminata e a un’intensità che tutti potevano sostenere. Per calcolare l’intensità della camminata, hanno eseguito un test in cui i partecipanti dovevano camminare 20 metri a una velocità che ritenevano confortevole. Dopo il calcolo, hanno camminato tutti a 140% della velocità normale di camminata. Sebbene il metodo sia semplice, il protocollo è molto utile. Se analizziamo i risultati, vedremo una diminuzione della pressione sanguigna sistolica da 143,1 ± 7,9 mmHg a 135,5 ± 6,4 mmHg (p <<0,001), e una diminuzione della pressione sanguigna diastolica da 91,1 ± 5,2 mmHg a 84,8 ± 8,2 mmHg (p <0.0. 0) ). Pertanto, possiamo essere sicuri che entrambe le pressioni arteriose siano significativamente ridotte. Questi risultati sono coerenti con altri riguardanti gli effetti dell’esercizio sulla pressione arteriosa cronica (11, 12).

Allo stesso modo, analizzeremo gli effetti di un intenso e breve esercizio aerobico per comprendere come questo influisca sul corpo. In questo caso, ci concentreremo sullo studio di Syme et al. (13) in cui hanno analizzato la risposta di 3 regimi di esercizio alla pressione sanguigna; i) Esercizio al 40% del Vo2Max; ii) Esercizio al 60% del Vo2Max; iii) Nessun esercizio. Dato che la pressione sembrava aumentare nel corso della giornata, il gruppo che non ha svolto alcun tipo di esercizio è servito come controllo. In generale, l’esercizio fisico (una delle sue varianti) sembra ridurre questo aumento involontario e naturale. Più precisamente, rispetto al gruppo di controllo, quelli con una pressione sanguigna più alta sono stati in grado di ridurre la pressione sanguigna sistolica di 7,3 ± 2,6 mmHg al 40% dopo l’esercizio e di ridurla di 5,0 ± 2,2 mmHg dopo un esercizio di moderata intensità (P<0,05). Tuttavia, non sembra esserci alcuna differenza tra i due tipi di pressione sanguigna diastolica post-esercizio (p>0,05)

VITRUVE-Baner-191-02-EN-1024x427

Infine, in generale, sembra che l’esercizio fisico aiuti a prevenire qualsiasi tipo di problema legato alla pressione sanguigna. Per quanto riguarda gli atleti, abbiamo dimostrato che anche loro sono a rischio di soffrire delle conseguenze di una pressione sanguigna alta, e lo sport di elite non li esenterebbe dal rischio di problemi arteriosi in futuro. D’altra parte, l’esercizio fisico regolare sembra aiutare a curare questa patologia, poiché l’esercizio fisico è stato dimostrato efficace nel ridurre la pressione sanguigna sia in periodi di tempo di bassa intensità continua che in quelli di alta intensità di breve durata.

Pertanto, abbiamo concluso che atleti e persone ben allenate hanno maggiori probabilità di avere una pressione sanguigna inferiore, che è correlata a una migliore salute del sistema cardiovascolare e a una migliore prestazione.

Riferimenti

  1. Lopez AD, Mathers CD, Ezzati M, Jamison DT, Murray CJ. Global and regional burden of disease and risk factors, 2001: systematic analysis of population health data. The lancet. 2006;367(9524):1747-57.
  2. Sharman JE, Stowasser M. Australian association for exercise and sports science position statement on exercise and hypertension. Journal of science and medicine in sport. 2009;12(2):252-7.
  3. Smith R, Ashiya M. Antihypertensive therapies. Nature Reviews Drug Discovery. 2007;6(8):597-8.
  4. Nelson ME, Rejeski WJ, Blair SN, Duncan PW, Judge JO, King AC, et al. Physical activity and public health in older adults: recommendation from the American College of Sports Medicine and the American Heart Association. Circulation. 2007;116(9):1094.
  5. Chan HH, Burns SF. Oxygen consumption, substrate oxidation, and blood pressure following sprint interval exercise. Applied Physiology, Nutrition, and Metabolism. 2013;38(2):182-7.
  6. Williams JT, Pricher MP, Halliwill JR. Is postexercise hypotension related to excess postexercise oxygen consumption through changes in leg blood flow? Journal of Applied Physiology. 2005;98(4):1463-8.
  7. Lavie CJ, Stewart M, Ozemek C. Benefits of exercise training on blood pressure and beyond in cardiovascular diseases. Sage Publications Sage UK: London, England; 2020.
  8. Caselli S, Serdoz A, Mango F, Lemme E, Vaquer Seguì A, Milan A, et al. High blood pressure response to exercise predicts future development of hypertension in young athletes. European heart journal. 2019;40(1):62-8.
  9. Mazic S, Lazic JS, Dekleva M, Antic M, Soldatovic I, Djelic M, et al. The impact of elevated blood pressure on exercise capacity in elite athletes. International journal of cardiology. 2015;180:171-7.
  10. Pinto A, Di Raimondo D, Tuttolomondo A, Fernandez P, Arna V, Licata G. Twenty-four hour ambulatory blood pressure monitoring to evaluate effects on blood pressure of physical activity in hypertensive patients. Clinical Journal of Sport Medicine. 2006;16(3):238-43.
  11. Dimeo F, Pagonas N, Seibert F, Arndt R, Zidek W, Westhoff TH. Aerobic exercise reduces blood pressure in resistant hypertension. Hypertension. 2012;60(3):653-8.
  12. Whelton SP, Chin A, Xin X, He J. Effect of aerobic exercise on blood pressure: a meta-analysis of randomized, controlled trials. Annals of internal medicine. 2002;136(7):493-503.
  13. Syme AN, Blanchard BE, Guidry MA, Taylor AW, VanHeest JL, Hasson S, et al. Peak systolic blood pressure on a graded maximal exercise test and the blood pressure response to an acute bout of submaximal exercise. The American journal of cardiology. 2006;98(7):938-43.
Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Latest posts by administratorvitruve (see all)
Subscribe
Notificami
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

GUIDE VBT

ULTIMI POST

AUTORI IN EVIDENZA

Ottieni gratuitamente la guida VBT!

*

GUIDA VBT GRATUITA

*